Funghi trifolati per lei? No grazie, li uso per il packaging

Funghi trifolati per lei? No grazie, li uso per il packaging

Il settore del packaging si trova in un momento cruciale, spinto dalla necessità di trasformare radicalmente la propria impronta ambientale per rispondere alle sfide della sostenibilità globale. L’obiettivo è quello di creare modelli sostenibili di produzione e consumo nel mondo degli imballaggi, adottando soluzioni che riducano l’impatto ambientale senza compromettere l’efficacia dei prodotti.

Oggigiorno, i packaging utilizzati nei più vasti settori, rappresentano ormai un pilastro fondamentale per l’economia globale, ma la loro produzione e gestione hanno contribuito significativamente all’inquinamento e alla riduzione di risorse

Basti pensare alla plastica, usata per molto tempo senza regole che ne indicassero limiti e indicazioni di utilizzo e smaltimento. 

La Commissione Europea ha proposto piani ambiziosi per diminuire drasticamente i rifiuti di imballaggio, con l’obiettivo di ridurne la produzione pro capite di plastica entro il 2040, incentivando riutilizzo e riciclo.

Nel panorama attuale, fortunatamente, esistono già numerose soluzioni che contemplano l’uso di materiali compostabili, biodegradabili, rispettosi dell’ambiente. Basti pensare allo specifico settore del foodpackaging, dove si è puntato sempre più sull’eliminazione del superfluo, creando confezioni più leggere, sostituendo o eliminando del tutto la plastica in favore del riciclo, del recupero e della riduzione delle emissioni.

Gli ultimi due anni c’è stato un particolare fervore di idee e soluzioni innovative, che potrebbero ridefinire il futuro del packaging sostenibile grazie all’uso di materiali alternativi.

Per esempio?

  • Alga-based packaging: realizzati con alghe biodegradabili, offrono un’alternativa ecologica e compostabile rispetto ai materiali tradizionali. Gli imballaggi realizzati a base di alghe usano una materia totalmente naturale e molto versatile. 
  • Imballaggi idrosolubili: si dissolvono a contatto con l’acqua ma garantiscono ai prodotti la corretta protezione e, ovviamente, consentono di ridurre drasticamente i rifiuti dopo l’uso. 
  • Stampa 3D per imballaggi: grazie a questa tecnologia, l’imballaggio può essere stampato completamente o parzialmente intorno al prodotto, in modo da utilizzare solo il materiale necessario e ridurre al minimo l’uso della plastica, adattandosi alle forme specifiche dei prodotti.
  • Packaging basati su micelio di funghi: sfruttano il micelio, cioè la radice dei funghi, come collante naturale per aggregare scarti del settore agroalimentare e trasformarli in un materiale ignifugo, fonoassorbente, resistente agli urti e impermeabile da usare negli imballaggi, soprattutto per proteggere prodotti preziosi come quelli del luxury e del design. Alla fine del suo ciclo di vita, l’imballaggio viene smaltito nell’umido o come concime per la coltivazione.
  • Carta d’ostrica: La carta d’ostrica è ottenuta da residui di scarto del processo di produzione della pelle.

 

  • Packaging piantabile: la carta da seme completamente biodegradabile viene creata utilizzando semi selvatici; quando l’imballaggio raggiunge la fine del suo ciclo di vita, può essere piantato per far crescere nuova vita.

Come vedete, il futuro del packaging si sta trasformando attraverso innovazione e impegno per un’economia circolare.

Le aziende stanno investendo sempre più risorse nella ricerca e nello sviluppo di soluzioni sostenibili per ridurre l’impatto ambientale del packaging, rispondendo alla crescente domanda di soluzioni eco-friendly da parte dei consumatori. 

Con un approccio collettivo e creativo, il settore del packaging sta aprendo la strada verso un futuro sostenibile e responsabile…Ma ancora molto resta da fare!

Continua a seguirci, ne abbiamo ancora delle belle da raccontarti.

Italia Gas e Luce e la sostenibilità, sempre mano nella mano.

La curiosità uccise il gatto, ma non l’ecologia

La curiosità uccise il gatto, ma non l’ecologia

Come ci piace fare ogni tanto, cerchiamo di andare a scovare curiosità green divertenti, ma anche utili. Perché diciamoci la verità, tante volte le buone intenzioni non portano sempre ad un comportamento corretto. Un po’ la stanchezza, un po’ il poco tempo a disposizione, un po’ il “tanto che cambia?!”, insomma finiamo per dimenticarci di essere persone civili e rispettose dell’ambiente.

Ma c’è il vostro Magazine di IGL che vi riporta sulla retta via e vi fa risuonare in testa le svegliette ecologiche.

Driiinnn!

Lo sapevate che la maggior parte degli elettrodomestici consuma energia anche quando è in stand-by? Probabilmente no. Negli Stati Uniti, secondo gli ultimi studi, gli apparecchi elettronici in stand-by consumano più energia di quanta ne riescano a produrre tutti gli impianti fotovoltaici del paese. Il consiglio valido in generale, per tutti gli apparecchi elettrici, è evitare lo stand-by, ricorrere alle multi-prese e utilizzare un wattmetro che ci aiuti a capire quali sono gli apparecchi energivori, prestando loro maggiore attenzione. Il frigorifero è in prima posizione in quanto a consumo, ma di certo quello non si può spegnere!

Driiinnn!

Lo sapevate che si può produrre energia anche dalla spazzatura? Questa non è male, approfondiamo!

È proprio dagli scarti che viene rilasciato il metano, un gas naturale, il quale, essendo un gas serra, può essere utilizzato per la produzione di energia, ed è un ottimo modo per evitare che venga immesso nell’ambiente. Attraverso le nuove tecnologie di cui sono dotati gli impianti di ultima generazione, 4 tonnellate di spazzatura sono in grado di sprigionare l’energia di una tonnellata di petrolio, 1,5 tonnellate di carbone o 5 di legno. Gli inceneritori di seconda generazione, anche noti come termo-valorizzatori, oltre a bruciare i rifiuti recuperano il calore sviluppato durante la combustione e lo riutilizzano per produrre vapore; quest’ultimo, a sua volta, viene convogliato e sfruttato per produrre energia elettrica o calore tramite il teleriscaldamento.
Un bene per il pianeta, un grosso vantaggio anche per noi!

DRIIINNN!

Lo sapevate che la Norvegia ottiene circa il 99% di tutta l’energia elettrica di cui necessita dall’acqua? In questo modo guadagna il primato di paese in cui l’energia idroelettrica è più efficiente. Grazie all’abbondanza di riserve d’acqua e di salti, la nazione ha potuto dotarsi di ben 31GW di potenza installata idroelettrica in grado di produrre ogni anno 144TWh di energia, pari a circa la metà del fabbisogno italiano.

Inoltre, in Norvegia l’acqua occupa circa il 5,05% della superficie totale. Questa frazione può sembrare insignificante, fino a quando non si scopre che la Norvegia ha la seconda più grande percentuale di acqua rispetto alla terra a livello globale, dietro solo al Canada con l’8,93%. In più, tra i corpi idrici ci sono i fiordi norvegesi. Con oltre 1.000 fiordi che attraversano il Paese, la Norvegia è il Paese che ospita il maggior numero di fiordi al mondo. Con questa risorsa idrica viva e attiva a disposizione del Paese, la Norvegia si vanta di essere la nazione europea con la più alta capacità idroelettrica.

Che ne dite? Vi sono piaciute?

Se ne volete altre, scrivetelo nei commenti. Chiedete e vi sarà dato. Come sempre: IGL, dalla parte del cliente.

Al prossimo articolo!

Hai voluto la bicicletta? E allora usala!

Hai voluto la bicicletta? E allora usala!

Un filosofo cinese dell’antichità amava dire che “la parte più difficile di un viaggio è la porta “. Questo perché, nonostante la volontà e le buone intenzioni, iniziare un percorso nuovo può rivelarsi arduo, soprattutto all’inizio, quando non si sa da che parte girarsi. Se non si trovano risposte ai dubbi o non si hanno esempi da seguire, è molto facile che le motivazioni vengano meno: oggi parliamo del Bike to Work.

Partiamo dall’inizio, ovvero dal momento in cui nasce dentro di noi la volontà di provarci, di dire “quasi quasi ci vado in bici”. Visto che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, vediamo come colmare quel vuoto. Alzi la mano chi, quando ha pensato “quasi quasi vado al lavoro in bici” non sia stato immediatamente inondato di pensieri che mettevano in discussione ogni motivazione. “Sì ma ci sono troppe auto: come faccio?” “Già ma poi cosa la pago a fare l’assicurazione della macchina?” “E poi come faccio se sudo?” “Ma con ‘sto freddo, all’aperto?”

Per superare i timori iniziali si può usare un metodo molto semplice: scrivere le proprie intenzioni. Prendete un foglio bianco e tracciate tre righe verticali, che saranno le colonne della tabella. La prima colonna la chiameremo “Vantaggi”:

– Risparmiare

– Restare in forma

– Evitare il traffico

Nella seconda colonna che chiameremo “Svantaggi”:  

– Pericolo

– Alzarsi prima

– E per fare la spesa?

Ora, per ogni svantaggio o timore che avete scritto, valutate se esiste una soluzione concreta che potete mettere in atto e scrivetela nella terza colonna: la Soluzioni. Poi, contate i vantaggi che avete inserito nella prima colonna e gli svantaggi che sono rimasti senza soluzione e fate un paragone: quali sono in maggior numero? Questo metodo è molto pratico e funzionale perché permette di avere una visione a 360° del progetto e capire che molto spesso i nostri timori sono infondati.

Usare la bicicletta per andare a lavorare non è solo cambiare mezzo di trasporto, ma quasi una scelta o una filosofia di vita. Saremmo disonesti se dicessimo che sarà tutto bello, facile e vi ritroverete a pedalare in mezzo alla natura con il sole sulla faccia. Ci sono dei problemi da affrontare, usare diversi metodi per trasportare le proprie cose o per organizzare il proprio tempo, ma non è niente di impossibile.

La prima cosa da fare è trovare la bicicletta giusta: da città o da viaggio, è indifferente. L’importante è che sia la vostra bici, sia della vostra misura e che l’abbiate regolata in base alla vostra corporatura. Una volta trovata, il resto è soltanto organizzazione pratica: problemi logistici che si possono risolvere facilmente.

Infine, dato che raramente abbiamo corsie dedicate, dobbiamo considerarci come degli utenti della strada a tutti gli effetti, che dobbiamo dividere con automobili, motocicli e pedoni, per cui vedremo in maniera approfondita come comportarci in ogni situazione, per garantirci la massima sicurezza possibile.

Che dire, il nostro viaggio è cominciato e abbiamo imboccato la porta giusta, quella che ci condurrà a cambiare decisamente modo di muoverci. Noi di Italia Gas e Luce lo facciamo da sempre.  Qualcuno potrebbe dire: Facile! Avete la sede in Versilia, a Lido di Camaiore, siete già abituati agli spostamenti in bicicletta sul mare, quindi non fate testo! Può anche essere vero, ma vi possiamo assicurare che, superati i primi dubbi, la strada sarà solo in discesa. Provateci e non ve ne pentirete. Il nostro filosofo cinese ne sarebbe davvero soddisfatto.

Un cliente felice è il nostro unico obiettivo

Un cliente felice è il nostro unico obiettivo

Devo ammetterlo, quando ho cominciato a collaborare con Italia Gas e Luce ne sapevo ben poco di energia rinnovabile, carbon fossili, combustione, lettura di bollette, pun, pod, volture, ecc… Come credo la maggior parte di voi. Arrivava la bolletta e la pagavo, poi dopo è arrivato il rid bancario, la rateizzazione, ma finiva sempre che dovevo pagarla, e sperare solo che fosse più bassa del bimestre precedente. Lamentarsi non serviva a niente, e soprattutto non cambiava le cose. Questo era il mercato tutelato, dove l’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente, detta ARERA, stabiliva i costi e le condizioni dei contratti energetici.

Con l’avvento del Mercato Libero, invece, i costi e le condizioni contrattuali sono fissati direttamente dai fornitori di energia. Ecco che abbiamo avuto a possibilità di scegliere il fornitore e l’offerta che meglio si adattavano alle nostre esigenze. Decisamente la svolta. Innegabile la confusione iniziale, e ora che si fa? Sarà meglio o peggiorerà ancora? Considerazioni lecite e comprensibili. E via con ricerche compulsive in rete per non farsi trovare impreparati, ovviamente trovando di tutto, offerte imperdibili, indimenticabili, irripetibili, irrinunciabili. Ci siamo cascati, ci abbiamo creduto, come potevamo fare diversamente!

Poi, però, ci siamo fatti furbi, abbiamo cominciato a selezionare, come con le mail spam, abbiamo imparato a riconoscere e ad allontanare le sirene di Ulisse.

Noi di Italia Gas e Luce ci teniamo alla trasparenza, non quella dei vestiti in estate sia chiaro, sto parlando di trasparenza e sincerità nei confronti di chi ci sceglie, e questo diventa quasi una missione. Un cliente felice è il nostro unico obiettivo. Lavoriamo quotidianamente per farlo.

A cominciare da chi sta in azienda, che con gentilezza e competenza risponde alle vostre chiamate. Non per niente possiamo vantare un servizio a cinque stelle, certificato da Google

Fornendovi solo Energia rinnovabile, proveniente da fonti rinnovabili, anche questo certificato.

Proponendo offerte sempre nuove e al passo con le vostre necessità.

Al momento, tra quelle attive, c’è la Doppio Sconto, che ti fa avere 60 euro di sconto in bolletta se passi con con entrambe le utenze, e dopo dodici mesi che sei cliente, per il primo anno, ti restituisce il 50% di cashback sui consumi effettuati.

Ma come dimenticare la Business plus, dedicata ai nuovi clienti IGL. Se passate con noi con 1 utenza commerciale (con almeno 1.000€ di fatturato mensile) e 2 utenze domestiche, riceverete uno sconto di 3 centesimi per kWh sulla tariffa delle utenze elettriche per 12 mesi + il rimborso del 25% sull’utilizzo mensile medio della materia energia ogni 12 mesi rimane sempre valido.

Queste sono le offerte per i nuovi arrivati, ma non vogliamo certo dimenticare chi decide di restare con noi. La vostra fedeltà a Italia Gas e Luce sarà sempre premiata con un cashback annuale del 25%, per tutto il tempo in cui resterete in fornitura.

E, ultimo ma non ultimo, per i clienti IGL, il programma di risparmio “Porta un Amico”, che vi premia con uno sconto in bolletta per sempre per ogni amico che portate. Amico dopo amico arriverete ad azzerare le vostre bollette. Non c’è limite agli amici che potete portare e il vostro sconto sarà permanente!

È evidente che passare con IGL conviene, ma restare lo è ancora di più!

Il consiglio è sempre quello di dare un’occhiata al nostro sito “italiagaseluce.it” per trovare tutti i dettagli sulle offerte e le condizioni.

Stai con noi di IGL, vedrai che non saremo mai la tua nuova mail che finisce nello spam!

Giornata internazionale dell’energia

Giornata internazionale dell’energia

Ormai c’è una giornata mondiale per ogni cosa, la giornata mondiale del Bacio, la giornata mondiale della Vista, quella della Biodiversità. Tutte sacrosante, intendiamoci, ma il rischio è che si vada a perdere il reale interesse per il tema in questione.

Ce n’è una che, però, a noi di Italia Gas e Luce sta molto a cuore, da sempre: la Giornata Internazionale dell’Energia, che si celebra ogni anno il 22 di ottobre.

Nel mondo, secondo le stime, ci sono ancora 760 milioni di persone che non hanno accesso all’elettricità, praticamente 1 su 10: per questo, raggiungere l’efficienza energetica è uno degli obiettivi di primaria importanza dell’agenda mondiale.

Per portare l’attenzione su questa esigenza e sviluppare soluzioni più sostenibili è stato istituito il “World Energy Day”. Ma come è venuta alla luce questa brillante iniziativa, e che cos’è esattamente?

Questa ricorrenza nasce nel 2012 durante il World Energy Forum su iniziativa dello sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Sovrano del Dubai.

In quell’occasione, in presenza dei rappresentanti di 54 Paesi dell’ONU, della Lega Araba e della Commissione dell’Unione Africana venne approvata e sottoscritta la “Dubai Declaration of Energy for All”, una dichiarazione che sanciva la nascita della Giornata Internazionale dell’Energia.

 

Questa giornata non è una semplice ricorrenza ma si pone una serie di propositi al fine di sensibilizzare sull’importanza che hanno le fonti energetiche nell’assicurare una vita dignitosa a ogni essere umano.

Tra i principali obiettivi, il World Energy Day si pone di:

  • garantire un accesso sicuro e universale all’energia;
  • sviluppare politiche internazionali che operino congiuntamente per accrescere l’efficienza energetica;
  • limitare l’uso dei combustibili fossili;
  • velocizzare il processo di trasformazione verso fonti di energia rinnovabili e sostenibili.

 

Quest’anno, il tema della Giornata Internazionale dell’Energia è “Potenziare l’indipendenza energetica in Africa” al fine di promuovere una maggior consapevolezza e accessibilità alle energie rinnovabili sia nelle aree urbane, sia in quelle rurali.

 

Noi di Italia Gas e Luce non possiamo che essere d’accordo con la Giornata mondiale dell’Energia. I nostri valori, sin dall’inizio, si basano sull’ecologia e sulla salvaguardia del pianeta. L’energia che forniamo è certificata come green al 100%, ed è il nostro principale vanto. Inoltre, tutte le nostre iniziative mirano ad implementare un atteggiamento ecologico in noi e negli utenti che ci scelgono. Per esempio, tutta la campagna marketing è improntata sì nel pubblicizzare la nostra azienda, ma anche nell’approfondire tematiche ecologiche e ambientali.

 

Quindi, il 22 ottobre IGL celebrerà la Giornata mondiale dell’Energia, sperando che in tempi brevissimi, anche grazie al nostro contributo, quel gap “da 1 a 10” si possa limare, fino ad azzerarlo.

Porta un amico, risparmia un tesoro

Porta un amico, risparmia un tesoro

Qui autem invenit illum invenit thesauru è una locuzione latina biblica, che tradotta letteralmente, significa “chi trova un amico trova un tesoro“.

Proviamo ad analizzarlo partendo dalle parole chiave di quello che è diventato, nei secoli, uno dei proverbi più conosciuti e usati.

Amicosostantivo maschile

             Persona legata a un rapporto di amicizia sincero,

             disinteressato: è un a. d’infanzia; un vecchio a. di famiglia;   

             consiglio da a., prov. chi trova un a. trova un tesoro.

Nessun può negare l’importanza di un amico, quello vero, sincero e disinteressato. Quello che quando hai bisogno chiami e subito arriva, che quando stai male e cerchi qualcuno con cui sfogarti lui c’è. Un amico è un amico, e basta. Soltanto tu sai chi è veramente, o almeno così dovrebbe essere (ma qui si renderebbe necessario aprire un capitolo a parte). Fatto sta che di un amico vero non si può fare a meno. Mai.

Tesoro – sostantivo maschile

   Quantità di denaro o di oggetti preziosi, accumulata e

   conservata con l’intento di costituire una riserva; 

   fig.: far tesoro di qualche cosa, conservarla gelosamente,

   attribuendo alla stessa grande valore: far t. di un’esperienza, di una lezione; grande ricchezza o quantità

   di denaro.

Che sia un’ingente somma di soldi o gioielli di grande valore, il sogno, più o meno segreto di ognuno di noi, o di quasi ognuno di noi, è quello di farsi una nuotata nella piscina di Paperon de’ Paperoni, colma zeppa di monete d’oro! O di trovare una mappa che ti porti direttamente alla scoperta di uno scrigno colmo di pietre preziose su un’isola isola segreta… e vissero felici e contenti! Insomma, di entrare in possesso di un tesoro.

Certo, il sostantivo “tesoro” ha anche un’accezione che riporta all’amicizia, si dice “Che tesoro!”, per esempio, a qualcuno che per te è importante e prezioso. Ed è così che i due sostantivi si avvicinano, si somigliano, si intrecciano, possono stare bene insieme.

…Amico… tesoro… tesoro… amico… amico e tesoro. Questo è ciò che ci frullava in testa quando stavamo preparando la nostra ultima campagna promozionale. Domande, confronti, discussioni, abbracci, sorrisi, ore passate insieme. Poi, piano piano, ci siamo guardati negli occhi, consapevoli che lavorare in quel modo, a stretto contatto, senza invidie, senza sentirsi uno più bravo dell’altro, ma collaborando serenamente, e abbracciandoci anche un po’, come un gruppo di amici, abbiamo capito che quello era il nostro tesoro.

Ed è così che il programma di risparmioPorta un amico, risparmia un tesoro” ha preso vita. È diventata realtà. E per una volta vogliamo farci i complimenti da soli.

Ecco di cosa si tratta.

Se porti i tuoi amici in Italia Gas e Luce riduci a zero la tua bolletta. Come? Per ogni amico che porti riceverai uno sconto in bolletta per sempre. Amico dopo amico potrai arrivare ad azzerare le tue bollette. Non c’è limite agli amici che puoi portare e il tuo sconto sarà permanente.

Invitali a entrare a far parte della nostra green community e assicurati che utilizzino il tuo codice dedicato durante la registrazione come clienti IGL. Hai 2 modi per farlo:

Condividere il link per l’inserimento dell’utenza con il codice già precompilato.

Condividere il codice alfanumerico che i tuoi amici dovranno inserire quando si iscrivono online come nuovi clienti IGL.

Assicurati che dal sito, selezionino “da un amico” alla domanda “come hai conosciuto IGL” e inseriscano il tuo codice nello spazio dedicato al “Codice Amico”.

Verifica nella tua Area Clienti lo stato della pratica dei tuoi amici, familiari e conoscenti che sono passati a Italia Gas e Luce grazie al tuo Codice Amico. Accanto al nome del tuo amico dovrai visualizzare la voce “IN FORNITURA” perché lo sconto sia emesso direttamente sulla tua prossima bolletta. 

Quando i tuoi cari si iscriveranno, riceverai uno sconto speciale sulla bolletta, per sempre. E non dimenticare di dire loro che una volta clienti IGL potranno fare la stessa cosa.

È proprio vero, chi porta un amico risparmia un tesoro!

Io sono solo Barbie

Io sono solo Barbie

Con l’uscita del film omonimo, posterizzato su tutti i muri, e su tutti luoghi e su tutti i laghi del mondo a partire dal mese di luglio, i riflettori si sono ri-accesi su di Lei. Ma la bambola più famosa non si è certo scomposta: è abituata, fin dalla nascita, alla fama planetaria.

Prima di cominciare, è giusto fare un piccolo passo indietro e raccontare come è nata tutta questa “blondie popularity”. Le Barbie sono state onnipresenti nell’infanzia di diverse generazioni, con oltre un miliardo di bambole vendute dalla loro messa in commercio nel 1959; ma più le bambine crescevano, più il dibattito sull’eredità lasciata dal marchio si faceva spinoso e critico. Tutti abbiamo ancora in mente le critiche riguardanti l’inevitabile associazione con un ideale di donna bionda minoritario e iper-oggettivizzato.

Ma la vera storia di Barbie è complessa e decisamente più bizzarra di quanto forse possiate immaginare. La bambola rappresentava qualcosa di totalmente nuovo, quando è apparsa alla fine degli anni ’50. Prima del suo arrivo, le opzioni di giocattoli per bambine erano essenzialmente limitate a bambole bebè e giochi che scimmiottavano la maternità. Barbie rappresentava una visione diversa, non dovevi essere solo una casalinga, potevi essere una donna di mondo con tantissimi abiti alla moda. E potevi persino avere le curve. Con il passare dei decenni, le Barbie sono diventate gradualmente disponibili in una vasta gamma di etnie e tipologie di corpo.

Nel 2016, per ovviare alle continue critiche, la Mattel ha finalmente iniziato a produrre modelli di bambole plus-size, e le Barbie attuali sono disponibili in cinque diverse tipologie di corpo. Barbie, poi, è stata una donna in carriera, fin dalla sua nascita ha avuto più di 200 percorsi lavorativi diversi, peraltro aumentati nel corso degli ultimi anni. Questo cambiamento è stato anche una risposta alle critiche rivolte alle bambole che, intenzionalmente o meno, hanno alimentato stereotipi misogini riguardanti l’abilità delle donne. 

Ma arriviamo al cambiamento che più ci interessa, quello ecologico, finalmente! La nuova Barbie “Loves the Ocean”. Appena lanciata, è fatta in gran parte di plastica riciclata per promuovere la salvaguardia degli oceani. Uno dei giocattoli più famosi al mondo fa un passo avanti verso un’ottica green! Le parti in plastica delle bambole amiche dell’oceano sono realizzate per il 90% in plastica come bottigliette e contenitori destinati a galleggiare, arrivando magari fino all’oceano, recuperati e destinati alle braccia e alle gambe di Barbie. Non sono fatte con questa plastica di recupero le teste delle bambole, così come gli accessori (le scarpe, il tablet e la lanterna da spiaggia). Sono alte circa 28 cm e sono disponibili in tre diverse tonalità della pelle.  Questa collezione e partnership segue l’obiettivo di Mattel di raggiungere il 100% di materiali plastici riciclati, riciclabili o a base biologica in tutti i suoi prodotti entro il 2030.

Tornando per un attimo al film, quest’ultimo ha però alimentato polemiche a non finire, in primis lo scontro Greenpeace vs Mattel. Secondo uno studio effettuato dal Colosso dal Cuore Verde, pare che la Mattel utilizzi, per i suoi imballaggi, del legno proveniente dalle foreste pluviali dell’Indonesia, un’area minacciata dalla deforestazione e che dovrebbe rientrare tra le aree protette. Questo polmone verde ospita un gran numero di specie minacciate dall’estinzione, dalle tigri agli oranghi, e tutte queste potrebbero veder accelerare la loro sparizione a causa di un semplice imballaggio di cartone.

Il gruppo ambientalista ha chiesto all’azienda di smettere di usare quel legno per il confezionamento dei suoi prodotti, e siccome dalla sede della Mattel non arrivano risposte, Greenpeace ha deciso di passare al contrattacco come meglio sa fare, cioè con le azioni dimostrative. È partita una campagna di discredito della bambola in America, attraverso Facebook, in cui si mostra Ken, il suo storico fidanzato, che la lascia dicendo: Barbie: è finita. Non voglio uscire con una ragazza coinvolta nella deforestazione!

Ma non è tutto: come ben sappiamo, il mondo di Barbie è totalmente rosa. La scenografia del film, dunque, doveva adeguarsi. Si potrebbe pensare che, dato che siamo nel 2023, questo effetto sia stato creato con la computer grafica. E invece, a quanto pare, no: si è preferito usare un metodo più tradizionale, ovvero la classica vernice rosa, con buona pace dell’ambiente. E diciamo così perché non si è acquistato qualche latta di vernice, ma se ne è fatto un uso così massiccio da creare una carenza mondiale.

“Mantenere la ‘bambinità’ era fondamentale. Volevo che i rosa fossero molto luminosi e che tutto fosse quasi eccessivo”, è quanto ha rivelato la regista. Un dettaglio a cui non voleva proprio rinunciare, dato che questo colore rosa così accentuato era quello che le aveva fatto “amare Barbie quando ero una bambina”.

La scenografa Sarah Greenwood, presente anche lei all’intervista, ha raccontato le assurde conseguenze che questa volontà ha avuto. A suo dire ciò ha portato ad una carenza della tonalità fluorescente della vernice rosa, cancellando le forniture globali di un’intera azienda. La donna ha scherzato: “Il mondo ha finito il rosa”, ma le sue parole sono finite al centro della bufera. Tuttavia, la produzione di Barbie ha coinciso con problemi più ampi della catena di approvvigionamento globale durante il Covid, nonché con il clima estremo in Texas all’inizio del 2021, che ha colpito i materiali vitali utilizzati per creare la vernice.

Insomma, dei bei disastri attorno a questa Barbie, e tutto quello che si porta dietro. Ma noi facciamo il tifo per te, biondissima amica di sempre, soprattutto con l’arrivo della tua gemella Barbie Loves the Ocean.

E ricordati che in fondo la colpa non è tua: tu sei solo Barbie!

Capodanno è settembre

Capodanno è settembre

Non so voi ma per me l’inizio dell’anno è il primo di settembre, non certo l’1 di gennaio. 

Qualcuno dirà: sei il solito adolescente attempato che pensa ancora agli anni della scuola, può anche darsi ma, dite la verità, chi non l’ha pensata almeno una volta come me? No?! Bugiardi! Lol

Allora mettiamola così: per molte persone, io per primo, la fine delle vacanze estive coincide con la voglia di stilare la lista dei buoni propositi per 12 nuovi mesi carichi di energia e voglia di fare cose mai fatte prima. Così vi piace di più?

Insomma, settembre è il momento migliore per mettere nero su bianco i nuovi obiettivi e i desideri da trasformare in realtà nei mesi successivi. 

Facciamo così, io metto la mia lista, appena stilata, mese per mese, voi leggetela e poi nei commenti o sui nostri social scrivetemi la vostra. 

Dai, giochiamo un po’, ci state? 

Pronti, attenti, viaaa!

 

Settembre: imparare qualcosa di nuovo ogni mese

La routine quotidiana limita la curiosità. È importante dedicare alcuni momenti, nel corso della settimana o del mese, per imparare qualcosa di nuovo, che sia un corso online o in presenza, ci si può dedicare ai fornelli, per esempio, mettendosi alla prova con una ricetta mai provata prima o si può iniziare a studiare una nuova lingua.

Ottobre: ridurre il tempo trascorso di fronte agli schermi

Viviamo una vita sempre connessa di fronte a uno schermo. Spesso stiamo lì davanti più tempo di quanto si dovrebbe. Con l’arrivo dell’autunno, il suggerimento è di fare un digital detox, un po’ di pausa dalla tecnologia: meglio dedicarsi allo sport o ai giochi da tavolo, ideali per i pomeriggi autunnali.

Novembre: leggere almeno un libro al mese

Leggere è un meraviglioso antistress, allontana la mente dalle preoccupazioni quotidiane. Inoltre, stimola la creatività, migliora le proprietà di linguaggio e la memoria. Il consiglio del mese di novembre, quindi, è di leggere almeno un libro al mese. Bastano 10 -15 pagine al giorno per finire un libro in 30 giorni.

Dicembre: regalare esperienze

Anche se sembra ancora presto, si può già pensare a un regalo di Natale per le persone alle quali si vuole bene che possa essere in linea con un visone sostenibile ed emozionale della vita. E allora: concerti, attività adrenaliniche, un fine settimana alla spa, un viaggio in luoghi inusuali. Un’occasione per creare insieme nuovi ricordi, divertirsi, rilassarsi e non comprare l’ennesimo oggetto.

Gennaio: fare acquisti più consapevoli

Il proprio impatto sull’ambiente può essere ridotto anche quando si fanno acquisti: dagli alimentari, prediligendo prodotti a chilometro zero, di stagione, prevalentemente vegetali e che non prevedono imballaggi di plastica o non riciclabili, fino all’abbigliamento, optando per capi di qualità ed evitando il fast fashion (Abbiamo scritto un articolo che parla proprio di questo! Leggi l’articolo). Anche se gennaio è il mese dei saldi, cominciare a cambiare abitudini e fare scelte e acquisti più consapevoli, è sicuramente un’ottima idea.

Febbraio: visitare almeno un posto nuovo al mese

Per non smettere di stupirsi, per arricchire le proprie settimane e per non lasciarsi travolgere da “le mie giornate sono tutte uguali” uno dei buoni propositi da scrivere nero su bianco è quello di provare a visitare almeno un nuovo posto ogni mese: una città mai vista prima, un museo non lontano da casa, un nuovo locale o una nuova mostra. 

Marzo: spostarsi in modo più sostenibile

L’arrivo della primavera è un buon momento per iniziare a spostarsi in modo più sostenibile, preferendo la due ruote o i propri piedi. Spesso capita di utilizzare l’automobile per percorrere distanze che si potrebbero coprire anche a piedi o in bicicletta. La mobilità sostenibile, non solo ridurrà il proprio impatto sull’ambiente, ma farà del bene anche al proprio organismo.

Aprile: dormire almeno 7 ore ogni notte

Aprile dolce dormire. Riposare ricarica le batterie ed è quindi importante dedicargli il giusto tempo. La regola generale è quella di dormire almeno 7 ore ogni notte. Facciamolo! È importante, inoltre, che il riposo non subisca interruzioni; quindi, l’ideale sarebbe riuscire a eliminare interferenze sonore e luminose, se non necessarie. Una corretta igiene del sonno contribuisce, infatti, a mantenere il corpo in salute.

Maggio: creare un angolo green in casa

Che sia in terrazzo, in giardino o vicino a una finestra, creare un proprio angolino green in casa può non solo rivelarsi un ottimo passatempo, ma anche regalare luminosità e vivacità agli ambienti. Maggio è il mese perfetto per fare il pieno di piante al vivaio, per piantare i nuovi semi o cambiare i vasi alle piantine che già colorano di verde le stanze della propria abitazione. Fare l’orto sul balcone non è poi così difficile! (Abbiamo scritto un articolo anche su questo! Leggilo subito)

Giugno: fare almeno 10.000 passi al giorno

Per mantenere uno stile di vita sano e mantenere il corpo in movimento  sarebbe l’ideale fare almeno tra gli 8.000 e i 10.000 passi al giorno (anche in maniera discontinua) nell’arco della giornata, meglio se in mezzo alla natura. In questo modo non solo si migliora la circolazione sanguigna e la mobilità, ma anche l’umore. Giugno è il mese perfetto per iniziare questa sfida personale.

Luglio: trascorrere più tempo in mezzo alla natura

Secondo numerosi studi, trascorrere del tempo in mezzo alla natura non solo riempie gli occhi di bellezza, ma aiuta anche a rilassarsi, a ridurre lo stress e l’ansia, ad aumentare la concentrazione e a migliorare l’umore. Per chi vive in città, la soluzione possono essere i parchi, che per quanto piccoli permettono comunque di allontanarsi dal cemento e dalle mura delle proprie abitazioni.

Agosto: prediligere vacanze con un basso impatto ambientale

Agosto è il mese delle ferie e di meritato riposo, ma senza dimenticare la sostenibilità. Anche una vacanza, infatti, può essere green: dal mezzo di trasporto utilizzato alla scelta di strutture eco-sostenibili ed eco-camping, passando per la riduzione del peso dei bagagli, che influiscono su consumi ed emissioni, e la scelta della crema solare, che potrebbe influire negativamente sull’ecosistema.

 

Ecco fatto, che ne pensate?

Aspetto le vostre liste!

Ma che “Pun” dici?

Ma che “Pun” dici?

Il mercato tutelato ha ormai le ore contate, tra poco sarà il “via libera” definitivo al mercato (quello) libero dell’energia.

E tutto sarà come un enorme centro commerciale pieno di possibilità super pubblicizzate e super convenienti. Ma come faremo a districarci nell’infinito mare senza orizzonte dell’energia? Proviamo a darvi una mano nel tentativo di arrivare almeno a dei capisaldi sui quali basare la vostra scelta.

Innanzitutto a tutela del consumatore, è stato costituito, dal Gestore dei Servizi Energetici, il GME che ha il compito di organizzare e gestire i mercati dell’energia elettrica, del gas naturale e quelli ambientali, nel rispetto dei principi di trasparenza, obiettività e concorrenza. E già ci sentiamo un po’ più sicuri! Tutti i fornitori comprano energia in borsa, questo ormai è chiaro come il sole.

Ed è proprio in borsa che tutto si decide: il match è l’incontro/scontro tra domanda e offerta, ed è da questa contrattazione che si determina il prezzo dell’energia, il famigerato PUN (che non è altro che il prezzo all’ingrosso o prezzo unico nazionale). Spulciando tra le offerte avremo sicuramente notato la dicitura: Pun + Spread. Addirittura! Ma non ne bastava uno?! Calma! E’ facilmente risolvibile: lo Spread non è altro che il ricarico che la compagnia fornitrice applica al costo della materia prima: ecco che Pun + Spread non sarà altro che il prezzo finale al Kw della materia prima.

Ma arriviamo alla bolletta. I costi da aggiungere ai reali consumi sono tanti, qualcuno direbbe, a ragione, troppi! Per non parlare di quando chiediamo banalmente un aumento di potenza; in questi casi in bolletta troveremo ulteriori costi non riconducibili al fornitore, bensì al distributore, ovvero il proprietario del contatore. Così come i costi che provengono dai subentri (procedura con la quale un’abitazione viene collegata alla rete di distribuzione dopo che il precedente intestatario ha disattivato il contatore) o dalle volture (la procedura che si richiede quando si desidera modificare l’intestatario dell’utenza senza l’interruzione della fornitura).

Noi di Italia Gas e Luce, in questi casi, da sempre non applichiamo costi ulteriori a quelli richiesti dal distributore che gestisce la pratica. Resta lo Switch, che è il cambio del fornitore energia, e che non deve mai avere un costo. In tutto questo marasma energetico, noi di Italia Gas e Luce, cerchiamo sempre di essere trasparenti, chiari e disponibili al dialogo e al confronto, tenendo bene in mente quelle che sono le nostre forze: energia 100% verde, tariffe super convenienti per aziende e privati, un servizio clienti a 5 stelle certificato su Google.

Nessuno nasce “imparato”

Nessuno nasce “imparato”

Diciamoci la verità, nessuno nasce con il rispetto per l’ambiente, e per il verde, incorporato. Anzi, l’uomo, per natura, ha un rapporto contrastato con la natura e non sempre è portato a riconoscerla e rispettarla. Da qui nasce l’importanza di un’educazione ambientale che cominci il primo possibile: dall’infanzia, e già nelle nostre case.

Coinvolgendo i bambini che, una volta ben catturati sul piano degli stimoli e dell’attenzione, si mostreranno subito molto sensibili al loro futuro e al mondo che vogliono. Inoltre, nulla si impara in un giorno, e quindi anche l’insegnamento deve essere continuo e graduale, e deve cominciare quando i bimbi sono ancora piccoli, ma già in grado di capire quali sono le conseguenze degli atti che compiono.

In fondo basta poco per trasmettere ai propri figli uno stile di vita eco-sostenibile, l’importante è farlo in maniera divertente e creativa. Ecco alcuni consigli utili:

1)Coinvolgete i bambini nel processo di smaltimento dei rifiuti prodotti in casa insegnando loro come fare la raccolta differenziata e soprattutto spiegando loro cosa accadrebbe se tutti i rifiuti venissero accatastati senza alcun criterio.

2)Mettete un cestino nella sua camera in modo tale che possa buttarvi la carta che non gli serve più;

3)Se avete un giardino, insegnate loro che i rifiuti umidi domestici possono trasformarsi in un concime naturale per le piante. I bambini ne rimarranno affascinati;

4)Spiegate ai piccoli quanto sia importante non contribuire all’inquinamento dell’aria che respiriamo.

5)Insegnate loro che le automobili inquinano e che se non dobbiamo percorrere tanta strada è bene muoversi a piedi o in bicicletta.

6)Insegnate loro anche a non sprecare l’acqua e spiegate loro che non c’è bisogno di far scorrere troppa acqua per fare una doccia. Provate ad esempio a impostare un cronometro ogni volta che i bimbi fanno la doccia e stabilite un piccolo premio se terminano prima che il timer suoni;

7)Stessa cosa per le luci accese: è importante che i bambini imparino a risparmiare energia elettrica;

8)Portate spesso i vostri figli a fare una passeggiata in campagna o in un parco pubblico per far capire loro quanto sia importante rispettare la natura;

9)Se vi recate in un parco giochi insegnate loro il rispetto di tutte le strutture presenti: sono un bene per tutta la comunità e per questo devono essere sempre mantenute in buone condizioni.

 

E poi ci sono alcuni comportamenti ecologici per i bambini da trasmettere dai genitori ai figli. Per esempio:

1)Il giardinaggio e il piacere di fare l’orto sono cose che si possono fare fin da piccoli. Anche in spazi molto ristretti.

2)Scambio e condivisione sono due parole chiave dell’economia circolare e della sostenibilità. E riguardano anche i guardaroba dei vostri figli.

3)Gli animali, in generale, vanno rispettati, ma non devono neanche spaventare.

4)Donare, fare volontariato: sono gesti e comportamenti che prima partono e meglio è per tutti, genitori e figli.

 

In conclusione, per spiegare la sostenibilità ai bambini sono importanti e utili due cose: la collaborazione tra la scuola e la famiglia. Se il bambino sarà incentivato ad approfondire questi temi a scuola, allora sarà più facile condividerli e parlarne anche in famiglia. Bisogna, inoltre, alleggerire il concetto di sostenibilità. E’ inutile spaventare i bambini con il catastrofismo ambientale, meglio fare insieme qualche lettura utile sui temi ambientali. La scuola è un punto cruciale per insegnare ai bambini il rispetto dell’ambiente e in generale la sostenibilità.

Newsletter IGL

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato/a sulle nostre offerte e news Green!

Scrivici il tuo contatto qui: