Hai voluto la bicicletta? E allora usala!

Hai voluto la bicicletta? E allora usala!

Un filosofo cinese dell’antichità amava dire che “la parte più difficile di un viaggio è la porta “. Questo perché, nonostante la volontà e le buone intenzioni, iniziare un percorso nuovo può rivelarsi arduo, soprattutto all’inizio, quando non si sa da che parte girarsi. Se non si trovano risposte ai dubbi o non si hanno esempi da seguire, è molto facile che le motivazioni vengano meno: oggi parliamo del Bike to Work.

Partiamo dall’inizio, ovvero dal momento in cui nasce dentro di noi la volontà di provarci, di dire “quasi quasi ci vado in bici”. Visto che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, vediamo come colmare quel vuoto. Alzi la mano chi, quando ha pensato “quasi quasi vado al lavoro in bici” non sia stato immediatamente inondato di pensieri che mettevano in discussione ogni motivazione. “Sì ma ci sono troppe auto: come faccio?” “Già ma poi cosa la pago a fare l’assicurazione della macchina?” “E poi come faccio se sudo?” “Ma con ‘sto freddo, all’aperto?”

Per superare i timori iniziali si può usare un metodo molto semplice: scrivere le proprie intenzioni. Prendete un foglio bianco e tracciate tre righe verticali, che saranno le colonne della tabella. La prima colonna la chiameremo “Vantaggi”:

– Risparmiare

– Restare in forma

– Evitare il traffico

Nella seconda colonna che chiameremo “Svantaggi”:  

– Pericolo

– Alzarsi prima

– E per fare la spesa?

Ora, per ogni svantaggio o timore che avete scritto, valutate se esiste una soluzione concreta che potete mettere in atto e scrivetela nella terza colonna: la Soluzioni. Poi, contate i vantaggi che avete inserito nella prima colonna e gli svantaggi che sono rimasti senza soluzione e fate un paragone: quali sono in maggior numero? Questo metodo è molto pratico e funzionale perché permette di avere una visione a 360° del progetto e capire che molto spesso i nostri timori sono infondati.

Usare la bicicletta per andare a lavorare non è solo cambiare mezzo di trasporto, ma quasi una scelta o una filosofia di vita. Saremmo disonesti se dicessimo che sarà tutto bello, facile e vi ritroverete a pedalare in mezzo alla natura con il sole sulla faccia. Ci sono dei problemi da affrontare, usare diversi metodi per trasportare le proprie cose o per organizzare il proprio tempo, ma non è niente di impossibile.

La prima cosa da fare è trovare la bicicletta giusta: da città o da viaggio, è indifferente. L’importante è che sia la vostra bici, sia della vostra misura e che l’abbiate regolata in base alla vostra corporatura. Una volta trovata, il resto è soltanto organizzazione pratica: problemi logistici che si possono risolvere facilmente.

Infine, dato che raramente abbiamo corsie dedicate, dobbiamo considerarci come degli utenti della strada a tutti gli effetti, che dobbiamo dividere con automobili, motocicli e pedoni, per cui vedremo in maniera approfondita come comportarci in ogni situazione, per garantirci la massima sicurezza possibile.

Che dire, il nostro viaggio è cominciato e abbiamo imboccato la porta giusta, quella che ci condurrà a cambiare decisamente modo di muoverci. Noi di Italia Gas e Luce lo facciamo da sempre.  Qualcuno potrebbe dire: Facile! Avete la sede in Versilia, a Lido di Camaiore, siete già abituati agli spostamenti in bicicletta sul mare, quindi non fate testo! Può anche essere vero, ma vi possiamo assicurare che, superati i primi dubbi, la strada sarà solo in discesa. Provateci e non ve ne pentirete. Il nostro filosofo cinese ne sarebbe davvero soddisfatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter IGL

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato/a sulle nostre offerte e news Green!

Scrivici il tuo contatto qui: